Stanze di Zalissya

Stanze di Chernobyl

I miei scatti fotografici delle stanze di Chernobyl rappresentano per me un’esperienza straordinaria che mi ha permesso di immergermi completamente nella storia e nell’atmosfera unica della zona di esclusione. La mia scelta di focalizzarmi sui dettagli dei pavimenti, dei muri e delle stanze delle abitazioni e degli edifici di aggregazione comunitaria ha aggiunto una dimensione straordinaria alle mie immagini.

In ogni scatto, ho cercato di catturare l’essenza di un’epoca passata, un momento sospeso nel tempo. I pavimenti consumati, i muri sbiaditi e le stanze abbandonate raccontano una storia silenziosa ma potente. Queste immagini fungono da testimoni di un passato che continua a esercitare un’influenza straordinaria sul presente.

Il riuscire a rivelare la bellezza nel decadimento e nell’abbandono è stata una sfida affascinante ma allo stesso tempo non facile: ho cercato di catturare l’essenza di ciò che è stato lasciato indietro quando la gente ha dovuto evacuare questa zona a causa del disastro nucleare di Chernobyl. Ogni foto è stata per me un viaggio nel tempo, un’opportunità di riflettere sulla fragilità della civiltà umana e sulla forza dello scorrere del tempo che alla fine reclama tutto.

Le mie immagini trasmettono una profonda sensazione di nostalgia e di storia intrappolata nelle pareti delle stanze deserte. È come se le vite delle persone che una volta hanno vissuto lì continuassero a permeare l’aria, e ho cercato di catturare questa sensazione.

In conclusione, i miei scatti fotografici delle stanze di Chernobyl sono per me un potente tributo alla storia e all’eredità di questo luogo.

NUOVI ARTICOLI

La centrale elettrica SIPE di Ferrania
Storie industriali
Francesca Dani

La centrale elettrica SIPE di Ferrania

In un’epoca in cui l’arte e l’industria sembrano spesso muoversi su binari separati, c’è invece un luogo, la centrale elettrica SIPE di Ferrania, che ci ricorda come un tempo fosse comune unire la bellezza all’architettura industriale.

Musica a Chernobyl, un disco ritrovato a Pripyat.
Chernobyl
Francesca Dani

Quando la musica suonava a Pripyat

Durante una delle mie visite a Pripyat mi sono imbattuta in qualcosa di curioso abbandonato per terra, una sorta di reperto quasi archeologico che ci riporta indietro nel tempo ad una storia perduta ma ancora molto vicina a noi…