La medaglia dei liquidatori di Chernobyl

La medaglia dei liquidatori di Chernobyl: storia e simbologia

In questo articolo ho voluto approfondire storia e significato della medaglia dei liquidatori di Chernobyl, l'unica al mondo istituita per premiare le persone che hanno partecipato alle operazioni per mettere in sicurezza un impianto nucleare dopo un incidente.

La medaglia dei liquidatori di Chernobyl, un riconoscimento unico al mondo

Il 26 aprile del 1986 è una data che difficilmente ci dimenticheremo e sono più che sicura che è rimasta impressa a fuoco nella memoria di ognuno di voi. Io, come molti di voi che state leggendo questo mio articolo, ho vissuto quei giorni tumultuosi da lontano, guardando le notizie alla tv o ascoltando la radio. Ma soffermatevi per un attimo a pensare alle persone che hanno vissuto quei drammatici momenti direttamente sulla loro pelle: oltre agli abitanti locali della regione che circondava la centrale nucleare di Chernobyl, i lavoratori che si sono avvicendati durante le operazioni di bonifica e decontaminazione, noti come “liquidatori”, furono una delle popolazioni principali ad essere esposte a livelli elevati di radiazioni rilasciate dall’incidente di Chernobyl. Complessivamente, circa 660.000 persone hanno partecipato alle attività di pulizia, decontaminazione e supporto logistico delle operazioni di bonifica tra il 1986 e il 1989.
I liquidatori hanno ricevuto vari tipi di riconoscimenti per il loro lavoro svolto nella “zona di esclusione”, tra cui spicca questa speciale medaglia, unica nel suo genere: questa è l’unica medaglia al mondo istituita per premiare le persone che hanno partecipato alle operazioni per mettere in sicurezza un impianto nucleare dopo un incidente o che hanno effettuato le successive operazioni di decontaminazione e bonifica dei territori circostanti.

Cinque anni dopo l’incidente

Se vogliamo essere precisi, questa non è da intendersi propriamente come medaglia ma bensì come “distintivo” speciale rilasciato ad ogni partecipante alla liquidazione delle conseguenze dell’incidente, infatti viene riconosciuta come “badge” e non come “award”.
Il distintivo “Partecipante alla liquidazione delle conseguenze dell’incidente di Chernobyl” è stato approvato dal governo dell’URSS il 14 maggio del 1990 e hanno iniziato ad essere emessi nel 1991, soltanto cinque anni dopo l’incidente. Furono distribuiti dai ministeri e dipartimenti che lavorarono a stretto contatto con la direzione dei liquidatori e la loro produzione fu realizzata dalla Moscow Mint tra il 1990 e il 1991, zecca di Mosca da sempre impegnata nella produzione di monete, medaglie e decorazioni, fabbricazione di badge e gettoni commemorativi.

Simbologia della medaglia dei liquidatori di Chernobyl

Il distintivo speciale del liquidatore di Chernobyl raffigura i percorsi dei raggi alfa, gamma e beta su una goccia di sangue, a significare gli impatti sulla salute umana dell’incidente di Chernobyl. Tuttavia ho voluto ricercare da dove provenisse esattamente questa raffigurazione e il suo significato imbattendomi quindi in una famosissima immagine che solitamente attribuiamo a Rutherford ma che in realtà compare la prima volta in un articolo di Marie Curie.

Nel 1899 Ernest Rutherford studiò l’assorbimento della radioattività da parte di sottili fogli di lamina metallica e trovò due componenti: la radiazione alfa, che viene assorbita da una lamina metallica molto sottile, e la radiazione beta, la quale può passare attraverso molti più strati dello stesso foglio prima che venga assorbita. Poco tempo dopo fu scoperta una terza forma di radiazione, denominata raggi gamma, che può penetrare fino a diversi centimetri di piombo.
I tre tipi di radiazione differiscono anche per il modo in cui sono influenzati dai campi elettrici e magnetici, come mostrato dal diagramma qui sotto a sinistra:

Si può notare, dal confronto qui sopra, la medaglia dei liquidatori di Chernobyl porta al centro la raffigurazione di un disegno molto simile, ma non esattamente identico, al diagramma che mostra la deflessione delle particelle alfa e beta emanate da una sorgente radioattiva in un campo magnetico.
Dalla loro traiettoria raffigurata sul diagramma originale (a sinistra), si può notare che i raggi alfa e beta hanno carica elettrica contraria e che i raggi gamma non sono deviati dal campo magnetico e sono quindi privi di carica. Inoltre i raggi alfa dimostrano di avere una massa molto maggiore di quella dei raggi beta e per questa ragione vengono curvati debolmente dai campi magnetici.

Tuttavia, prendendo in esame le traiettorie delle radiazioni alfa, beta e gamma raffigurate sulla ben nota medaglia dei liquidatori di Chernobyl, si può notare una resa artistica errata del famoso diagramma di Rutherford ed un recente studio sul tema, condotto da M. McIntire e J. Luczaj,  fa notare che è altamente improbabile che la traiettoria delle particelle beta rappresentata sulla medaglia provenga da un processo di decadimento nucleare naturale.

Traduzione dal cirillico del certificato e della medaglia

 Il testo in cirillico nella parte superiore del badge significa “Partecipante alla Campagna di Pulizia” e la sigla in basso “ЧАЭС” è il codice che indica l’impianto nucleare di Chernobyl (Чернобыльской АЭС).
Ogni distintivo è stato rilasciato in coordinato ad un attestato speciale identificativo che si presenta in forma di libretto a due pagine con le seguenti informazioni compilate per ognuno dei liquidatori:

PAGINA SINISTRA:

  • Fotografia formato foto tessera in bianco e nero
  • Nome
  • Cognome
  • Patronimico
  • Numero di serie del certificato
  • Firma personale
  • Data di emissione

PAGINA DESTRA:

  • dicitura: “Il portatore del certificato ha diritto a benefici e proprietà stabilite dalla legge dell’URSS e dalle repubbliche dell’Unione per le persone coinvolte nei lavori per eliminare le conseguenze dell’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl”
  • dicitura: “L’identità è perpetua e valida in tutto il territorio dell’URSS
  • Nome dell’istituzione che ha emesso il certificato
  • Firma del capo

Reperibilità sul mercato

Questo badge e certificato sono stati assegnati a migliaia di uomini e donne che hanno partecipato alla liquidazione delle conseguenze dell’incidente di Chernobyl.
La lotta contro le conseguenze della più grande tragedia nucleare dei nostri tempi, ha avuto modo di “cristallizzare” nella mentalità collettiva questo tipo di persone: un soccorritore professionista che ha reso la propria vita un mezzo per salvare quella delle altre persone.

La medaglia dei liquidatori di Chernobyl è facilmente reperibile nei mercatini dell’usato, anche online. I prezzi sono modici per i distintivi senza certificato, acquistabili a circa €30 l’uno mentre quelli corredati da certificato originale (compilato e non) partono dai €150 circa fino a toccare in alcuni casi (se corredati anche dalla lettera originale ufficiale  del Presidium del Soviet Supremo dell’URSS) , la cifra di €600.

Fonti consultate:
– McIntire, Michael, and John Luczaj. 2019. “Chernobyl’s Lesser Known Design Flaw: The Chernobyl Liquidator Medal—An Educational Essay” J 2, no. 3: 340-351. https://doi.org/10.3390/j2030023

AUTORE DI QUESTO ARTICOLO:

NUOVI ARTICOLI

La centrale elettrica SIPE di Ferrania
Storie industriali
Francesca Dani

La centrale elettrica SIPE di Ferrania

In un’epoca in cui l’arte e l’industria sembrano spesso muoversi su binari separati, c’è invece un luogo, la centrale elettrica SIPE di Ferrania, che ci ricorda come un tempo fosse comune unire la bellezza all’architettura industriale.

Musica a Chernobyl, un disco ritrovato a Pripyat.
Chernobyl
Francesca Dani

Quando la musica suonava a Pripyat

Durante una delle mie visite a Pripyat mi sono imbattuta in qualcosa di curioso abbandonato per terra, una sorta di reperto quasi archeologico che ci riporta indietro nel tempo ad una storia perduta ma ancora molto vicina a noi…